VOLLEY FEMMINILE: ITALIA KO CONTRO LA SERBIA

Sconfitta per 3 a 0 la nazionale di Marco Bonitta nel primo incontro del torneo Olimpico a Rio de Janeiro. Nel Gruppo B di cui fa parte, vittoria dell’Olanda per 3 a 2 sulla Cina e degli USA per 3-0 su Porto Rico.

Nel Gruppo A invece, vittoria della Corea del Sud 3-1 sul Giappone, del Brasile 3-0 sul Camerun e della Russia 3-0 sull’Argentina.

TIRO A SEGNO: RISULTATI DEL 6 AGOSTO

È per gli Stati Uniti d’America la prima medaglia d’oro in assoluto assegnata ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro: l’ha conquistata nella carabina 10m femminile Virginia Thrasher, precedendo sul podio due cinesi, Li Du

E Siling Yi. 33° Petra Zublasing, attesa come possibile protagonista, che paga una prima serie di qualificazioni per lei negativa.

Medaglia d’oro per il Vietnam invece nella pistola 10m maschile, conquistata da Xuan Vin Hoang, davanti al brasiliano Felipe Almeida Wu e al cinese Wei Pang. 49° Giuseppe Giordano.

CALCIO FEMMINILE: SVEZIA-SUDAFRICA 1-0

Scialba partita inaugurale del torneo di calcio femminile ai Giochi della XXXI Olimpiade Rio 2016. Solo un errore del portiere sudafricano Roxanne Barker, plurimo e macroscopico, ha permesso alle scandinave di sbloccare e portare a casa la partita, con un goal del centrale difensivo Nilla Fischer. Pericolosa di più la Svezia in ogni caso, con una traversa colpita al 4° minuto con l’ala Sofia Jakobsson, di gran lunga la migliore in campo. Nel Sudafrica buona prestazione di Jermaine Seoposenwe, che però veniva lasciata troppo sola in attacco e praticamente la sua squadra non impensieriva più di tanto le avversarie.

Certo, massimo risultato con il minimo sforzo, ma magari dal match che ha inaugurato i giochi, ci attendevamo qualcosa in più!

Lo sport con occhi nuovi

Con questo post diamo inizio ad un’avventura, un viaggio che speriamo ci conduca lontano insieme ai nostri futuri lettori.

Gestire un blog è qualcosa che ci eccita ed entusiasma. Condividere i nostri pensieri e leggere i vostri commenti sarà un’importante occasione di crescita e confronto che tutta la redazione di Sportivus coglierà al volo e speriamo di coinvolgere sempre più persone desiderose di parlare di sport  con cultura e amore della polemica, quella polemica che se opportunamente indirizzata può solo far progredire chi parla e chi legge.

Buona lettura